UNA DANZA NASCOSTA

Questo libro è nato da un’arrabbiatura. Inizialmente avevo pensato a un fumetto, ma poi le parole sono scivolate sulla tastiera, dense. Due voci si alternano. Una racconta fatti in cronologia, l’altra avanza tra impressioni e inquietudini, interrogandosi non soltanto sul senso del teatro o del carcere, ma più in generale sul tentativo di relazionarci a ciò che per noi è lontano, sconosciuto o inaccettabile. È il racconto intimo e insieme pubblico di cosa mi ha spinta, sostenuta e resa felice nel lavoro con persone detenute.

Prefazione di Mimmo Sorrentino e nota di M. Cristina Failla

Performance e presentazione 10 dicembre presso CENTO4 via Borgo Palazzo, Bergamo

in scena Mariella Sto (azioni) Nina Failla (danza) Ornella Esposito (letture) e il Duo L+R di Adelio Leoni e Roger Rota (musica)

Pubblicato in notizie | Commenti disabilitati su UNA DANZA NASCOSTA

SINTONIA

Ogni lavoro è il frutto di mesi di lavoro, di ricerca, di sperimentazione. Si riduce tutto ad una manciata di minuti, di istanti difficili da selezionare, ma dentro c'è ogni singolo frammento di noi stessi. Sintonia è un lavoro sperimentale che cerca nuovi stili senza per questo rinunciare alle forme acquisite. La colonna sonora, della durata di 50 min, è composta da 7 brani che si muovono in tutti i territori musicali. La lavorazione sfrutta 3d ed olofonia mentre gli strumenti sono sintonizzati sulla frequenza Schumann per stabilire una connessione vibrazionale con l'ascoltatore. Visto il massiccio utilizzo di frequenze sub e iper armoniche vi consiglio l'ascolto con delle buone cuffie. (non qui su Facebook perché la compressione fa perdere frequenze e qualità, ma nei brani che saranno online) Il disco sarà in vendita dal 7 Aprile in tutti i paesi e in tutti gli stores digitali. Nel prossimo promo, i link per il download. Grazie a Mariella Sto, Cristina Failla, Angelo Piferi De Simoni #marcobrama #marco_brama #sintonia #musica #music #newalbum #soundtrack #alternative #videoarte #videoart #music #ost #colonnasonora #soundart

Pubblicato da Marco Brama su Giovedì 9 marzo 2017

 

Interpretando SINTONIA. Cinema Espanso di Marco Brama

Pubblicato in notizie | Commenti disabilitati su SINTONIA

conference prison-theatre in bremen

Markus Herlyn invita il Teatro degli Incerti  al convegno su Carcere e Teatro che si terrà presso lo Studio 13 Theatre Institute, Breitenweg 13 dal 31 luglio al 3 agosto 2014 a Brema.

salutiUn interessante scambio esperienziale circa il training, un confronto sulle varie e diverse realtà delle arti performative nei luoghi di pena e diversi modelli di intervento. Inoltre, quanto mai salutare, è stato l’interrogarsi sulle motivazioni che spingono il nostro lavoro. Un concerto dello Speicher Quartet, letture, proiezioni e momenti di conversazione hanno arricchito l’evento. L’incontro conclusivo è stato su forma, significato e intenzioni del teatro in carcere.

VEDI alla pagina Il Convegno Teatro Carcere di BREMA

Pubblicato in notizie | Commenti disabilitati su conference prison-theatre in bremen

Clorinda al Festival Visioni di Futuro, Visioni di Teatro – Bologna

Partecipare al festival Visioni di futuro, Visioni di Teatro 2013 della Baracca – Testoni di Bologna è stato davvero speciale. Noi del Teatro degli Incerti non siamo nate come operatrici del teatro ragazzi. Ci siamo un po’ capitate, prima grazie a Ornella Esposito, direttrice artistica della rassegna Primeteatro di Firenze e poi su invito della stessa Baracca di Bologna. La prima cosa che colpisce, entrando nel Teatro Testoni è l’atmosfera di accoglienza, serena e puntuale. Poi si capisce perché. Oltre alla lunga storia di competenza educativa e di attività di spettacolo della compagnia e alla vocazione al confronto e al dialogo della città di Bologna, gioca un punto chiave: protagonisti del festival sono i bambini. Tutto è lì per loro. Lo si vede da come Roberto e Valeria attendono e accolgono le classi delle scuole materne venute ad assistere agli spettacoli. Da come vengono accompagnati in sala. Da come vengono poi attesi in mensa, dove anche consumare un pasto può essere spettacolo. Dal rispetto che ognuno ha per il cittadino bambino. Dai colori e dalle forme che arredano l’atrio, i laboratori e le sale. In questo clima, per noi attrici, il confronto con i colleghi, gli operatori e gli insegnanti si fa semplice: uno scambio di pareri, consigli, chiarimenti. Non c’è gara, non c’è mercato. Siamo lì per i bambini, grazie ai bambini. E così, poter assistere alla messa in scena di compagnie “più anziane“ di noi in questo campo, rispondere a domande e ascoltare consigli al tavolino del bar del teatro, osservare la qualità e l’intento dell’intero festival è valso come un eccellente corso d’aggiornamento. Sappiamo che Clorinda se ne avvantaggerà. Chiudo con la domanda che durante la presentazione del nostro studio mi ha fatto una bambina di 3 o 4 anni: “Perché non parli? Sei un bebè?” Perfettamente in grado di stare in equilibrio tra il piano della realtà e quello del racconto.

 

 

Pubblicato in notizie | Commenti disabilitati su Clorinda al Festival Visioni di Futuro, Visioni di Teatro – Bologna